Ora Esatta

histats

Contatore Visite


Visits today:4
Visits in this month:4502
Visits in this year:59118
Visits total:433344
Bots today:5
Date since:2010-05-11
Home ElettroBLOG
ElettroBlog


L'accoppiamento induttivo e capacitivo PDF Stampa E-mail

DOMANDA:

mi domando come sia possibile che collegando alla rete elettrica, anche con una semplice spina, ad una presa solo il neutro ed una fase  di un cavo quadripolare esterno arrivi elettricità anche nei fili non collegati al suddetto cavo; attenzione, il cavo è integro e quindi non c'è stato nessun tipo di contatto fra i conduttori all'interno: infatti successivamente l'ho anche sguainato e ne ho verificato la sua integrità.
Inoltre la tensione elettrica, ad occhio tramite un semplice cercafase, è molto più bassa di quella fra la fase collegata ed il neutro, invece dovrebbe essere nulla, questo perchè non vi è stato alcun ritorno.

Leggi tutto...
 
Il bravo elettricista segue il progettista. PDF Stampa E-mail

Il committente mi chiede di analizzare un impianto elettrico NUOVO di 2 locali, di sua proprietà, dati in affitto ad un Ente pubblico con dipendenti, poiché ha ricevuto una visita dell'INAIL (ex ISPESL) che gli ha redatto un verbale per delle modifiche da attuare agli impianti.

Le modifiche richieste sarebbero la sacrosanta necessità di un interruttore di consegna a valle del contatore dell'Ente Distributore, la differenziazione del colore del neutro col BLU nella dorsale dal contantore, la progettazione assolutamente carente.

Analizzata la documentazione e l'impianto (realizzato da circa 3 anni) rilevo:

1) mancanza di illuminazione di emergenza in quasi tutte le vie di esodo;

2) cavi dal contatore al generale in N07V-K senza protezione entro un armadio in legno;

3) linee prese protette con magnetotermico da 25 A perché altrimenti con le stufe si stacca;

4) due quadri generali in cascata nei quali non si capiscono le funzioni;

5) un progetto redatto da un illustrissimo collega che rappresenta 2 impianti elettrici separati, con contatori distinti, tramite un solo progetto con schema elettrico raffigurante: 1 generale magnetotermico e 2 colonnelli, a fronte di una sistuazione reale con 2 impianti separati e 2 quadri generali con 20 interruttori.

Leggi tutto...
 
Sistema trifase a 220V senza neutro PDF Stampa E-mail

DOMANDA

caro ingegnere, le scrivo per avere delucidazioni riguardo un problema su un sistema trifase 220v.
l'impianto, per altro eseguito a regola d'arte, su cui sono dovuto intervenire, è stato progettato e messo in opera per un utenza trifase 380 con neutro,la più comune delle utenze se mi è lecito. il problema è che la società fornitrice ha in quel punto grossi problemi a fornire detta utenza, per cui temporaneamente dobbiamo usare quella che esiste e cioé 220v trifase.

Leggi tutto...
 
Il neutro comune PDF Stampa E-mail

Un amico elettricista, con il quale collaboro per progetti, mi telefona per chiedermi se in un appartamento poteva lasciare una situazione impiantistica a dir poco ardita:

ispezionando l'impianto per un ampliamento si trova davanti un quadro con un magnetotermico differenziale generale e 2 magnetotermici colonnelli per luce e prese, da cui usciva solo la fase, mentre il neutro veniva giuntato in cassetta creando un nodo comune poi portato al differenziale. Per risparmiare sull'impianto l'elettricista precedente, o meglio il criminale-elettricista, ha utilizzato solo un cavo di neutro per tutto l'impianto. Come ben sapete questa pratica è espressamente vietata nei sistemi TT in cui il neutro è conduttore attivo e va interrotto insieme agli altri, inoltre nei sistemi monofasi si deve utilizzare la stessa sezione per fase e neutro, prescrizione non garantita quando si utilizza un neutro comune per luce e prese, praticamente il neutro poteva tranquillamente andare in sovraccarico per somma delle correnti di fase senza che l'interruttore potesse intervenire.

Ho consigliato al mio amico elettricista, persona molto attenta e scrupolosa, di separare i neutri delle diverse linee, anche perchè poi lui stesso avrebbe dovuto rilasciare la Dichiarazione di Conformità.

Purtroppo nel campo impiantistico esistono diverse realtà di ignoranza, presunta furbizia, vera e propria irresponsabilità, ma sino a quando chi sbaglia non paga sono tutti bravi ad approfittarne.

 
Dubbio sul "Certificato di Messa a Terra" PDF Stampa E-mail

Domanda

Ho un dubbio sollevatomi dal direttore dei lavori di un appartamento dove ho realizzato l'impianto elettrico, mi chiede il certificato della messa a terra, ma non trovo riferimenti specifici per consegnargli detto documento,anzi per quel che ho capito basta che gli consegni il foglio con le misure effettuate indicando il tipo di strumento utilizzato e basta.Vorrei indicargli la norma ma non la trovo mi potete dare un consiglio ?
grazie cordiali saluti franco

RISPOSTA

Onestamente il dubbio e' venuto anche a me......., sentendo le sue parole......
Cos'e' il "certificato di messa a terra"? E' un documento che non esiste.

Misure di terra, apparecchi utilizzati, tipologia di impianto ed altro fanno parte della Dichiarazione di Conformita' ai sensi del DM 37/2008 e del DPR 462/01. La Dich. di Conf. per quanto riguarda la realizzazione dell'impianto di terra costituisce anche atto di omologazione dello stesso e deve essere trasmessa all'INAIL (ex ISPESL) e all'ASL (nel caso di presenza di lavoratori).
La norma sugli impianti elettrici e di messa a terra e' la CEI 64-8 e la CEI 11-1 e sono quelle che deve indicare nella Dichiarazione di Conformità:
L'UNICO ATTO UFFICIALE CHE L'ELETTRICISTA DEVE RILASCIARE (puo' consultarla sul sito web), alla quale deve allegare l'elenco con la tipologia dei materiali, l'eventuale misura di resist. di terra, etc.
Distinti saluti

 
« InizioPrec.1234Succ.Fine »

Pagina 2 di 4

Pubblicità

Link consigliati:
OGGETTI IN VENDITA KIJIJI
Se vi interessa contattatemi tramite ebay
OGGETTI IN VENDITA SUBITO
Se vi interessa contattatemi tramite subito
TORRISIGROUP
Professionale gestore siti Web
Il mio Profilo LinkedIn
Francesco Monteleone
questo è uno spazio pubblcitario a disposizione
Il sito Web dell'IISS Nautico Gioeni-Trabia
Creato per intero da Francesco Monteleone
Segnalasito
Segnalasito
Bottone Scambio Directory Pubblicitaonline.it

feed-image Feed Entries

Biglietto da visita

biglietto visita no indirizzo.jpg

Ing. Monteleone Francesco P.IVA 06206570829